Il regista Alfonso De Filippis

Alfonso De Filippis, dopo le prime esperienze a Verona si trasferisce a Milano nel 1985 dove si diploma come danzatore, coltivando parallelamente un forte interesse per tutte le forme di arte scenica con corsi, borse di studio e seguendo svariati allestimenti come auditore.

Partecipa in quegli anni a produzioni di balletto e di lirica fino ad arrivare all’incontro con Paolo Poli nel 1990 con cui collabora per vent’anni prima come attore e poi anche come aiuto regista e coreografo fino al 2011 in tutte le produzioni con tournèe nazionali, con le firme di Emanuele Luzzati per le scenografie, di Santuzza Calì per i costumi e Jaqueline Perrotin per le musiche e gli arrangiamenti*.

Cura allestimento regia e movimenti scenici di alcune opere a Cuneo, Bra, Nichelino, Cento,Budrio nell’ambito del concorso lirico Colzani, con la direzione di Marco Balderi, Aldo Salvagno, e a Varese Ligure, con la direzione di Dan Ettinger, della Berlin Stadt Opera

Cura le coreografie per “Histoire du soldat” al Festival di Ravenna con la compagnia di Paolo Poli e i solisti dell’Orchestra Toscana.

Cura allestimento e testo dello spettacolo di teatro-ragazzi “Barbablù” , con voce narrante di Paolo Poli e scene e costumi di Emanuele Luzzati.

Come aIuto regista e coreografo cura l’allestimento di “Favole” con Paolo Poli e quattro attori/danzatori con le maschere i costumi e le scene di Emanuele Luzzati, musiche di Ravel, Poulenc, Prokof’ev.

Lavora anche come come organizzatore di concorsi e serate di poesia in tutta Italia.

Conduce laboratori teatrali anche per principianti per dare non solo i primi strumenti di conoscenza, ma soprattutto la passione e il rispetto per un “lavoro” che non finisce mai, che può solo crescere.

La poesia, dove il sentire interiore diviene condivisione, rimane una delle sue espressioni predilette, avventura e rifugio.

Nel 2014 collabora con Micromega come regista, allestendo lo spettacolo “Piccoli Crimini Coniugali” di Éric-Emanuel Schmitt

Top